Integratori per lo studio e la concentrazione


Lo studio, sopratutto quello universitario, può portare con sé una notevole quantità di stress, soprattutto in alcuni periodi in cui diviene più intenso o ci sono esami all’orizzonte.


Gli integratori costituiscono un aiuto molto valido per ogni studente alle prese con problemi come stanchezza, ansia e mancanza di concentrazione: in definitiva, essi non servono solo a migliorare le condizioni fisiche e psicologiche dello studente, ma possono anche facilitare il percorso di memorizzazione delle nozioni e di apprendimento.


Ecco perché recarsi in farmacia per un consiglio da uno specialista, sarà la scelta giusta per arrivare in forze fino alla prossima sessione d'esami e non rendere lo studio eccessivamente pesante.


I principali integratori per migliorare e aiutare allo studio

Se si desidera favorire un corretto funzionamento cognitivo, occorre aiutare il sistema nervoso assumendo vitamine e sali minerali, i quali coadiuvano anche nell’eliminare la stanchezza.


Tra la lista di vitamine, troviamo tutte quelle appartenenti al gruppo B (in particolare B1, B2 e B3), le quali facilitano il benessere mentale, più le vitamine C ed E, che proteggono dai radicali liberi e presentano proprietà antiossidanti.


Per supportare il sistema nervoso, è molto utile assumere il magnesio e lo zinco, i quali sono importanti nei processi tra le sinapsi del cervello, mentre il ferro sarà ottimo per donare forza e combattere stanchezza.


Si eviterà così un calo drastico delle energie e colpi di sonno improvvisi.


Per sostenere la memoria e la concentrazione, due elementi necessari per uno studio più scorrevole e veloce, ci viene in aiuto il fosforo. Esso risulta prezioso per l'assorbimento del calcio ed è anche responsabile del mantenimento di ossa e denti, mentre a livello psicologico favorisce uno stato di maggiore tranquillità.


Nei periodi di particolare stress psico-fisico o prima del rientro a scuola, si può utilizzare anche il Gingko Biloba, una soluzione che potrebbe piacere maggiormente a chi preferisce integratori a base vegetale: questa pianta migliora notevolmente la concentrazione e le performance mentali.


Anche l’Eleuterococco, estratto dal ginseng siberiano, funziona come rimedio per lo stress.


Ricordiamo che per individuare l’integratore più adatto alle proprie esigenze, che contenga un mix di questi elementi, basterà rivolgersi al proprio farmacista di fiducia, il quale saprà indicare la giusta soluzione per mantenere salute e benessere durante lo studio.


Alcuni accorgimenti utili

Meglio non sottovalutare i periodi prolungati di studio intenso: essi mettono a dura prova il sistema immunitario, indebolendo la salute psicofisica e rendendoci prede facili per le patologie. Difatti studiare è un lavoro vero e proprio, che impegna tutto l’organismo: molti studenti commettono l’errore di sottovalutare i primi sintomi negativi o l'eccessiva stanchezza, per poi arrivare alla fine del ciclo di studio stravolti.


Assieme agli integratori, per migliorare l'attività, risulta essenziale adottare delle buone abitudini, come bere tanta acqua, avere un ritmo sonno-veglia regolare, concedersi qualche svago ogni tanto e curare la nutrizione. Ricordiamo che gli eccessi fanno sempre male, compreso l'eccesso di studio.


Vanno quindi prediletti gli alimenti che danno energia, ma anche i cibi che aiutano la memoria o la concentrazione, dove sono naturalmente contenute le sostanze delle quali abbiamo parlato.


Se poi alcuni di questi cibi non dovessero far parte della propria dieta abituale, ecco che verranno in aiuto gli integratori.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti